Cellule staminali e Obama

Andare in basso

Cellule staminali e Obama

Messaggio Da spe salvi il Gio 12 Mar 2009, 12:21

OBAMA E LE CELLULE STAMINALI EMBRIONALI

Quando il Presidente si appropria della pietà

DAVIDE RONDONI

L a politica, si sa, è fatta anche di colpi di teatro. Però se si sta ben attenti, del teatro si vedono anche i trucchi. Quello della firma di ieri apposta dal Presidente Obama al via libera ai finanziamenti pubblici alla ricerca sulle cellule staminali embrionali era un colpo annunciato e preparato da tempo. E ieri si è realizzato con dispiegamento di simboli ed enfasi retorica. Anche se, a ben guardare, è un atto che non inaugura né rivoluziona nella sostanza granché, e solo permette che si usino soldi pubblici per finanziare ricerche su cui grava un problema etico irrisolto.

Le vere rivoluzioni in quel campo le stanno facendo, senza batter la grancassa e senza però trovare ascolto presso i media più influenti, coloro che invece stanno mostrando la possibilità di realizzare tali ricerche senza sacrificare un impressionante numero di esseri umani che, lasciati là nei laboratori o nei congelatori, chiamiamo 'embrioni' e che se invece fossero nella pancia delle nostre donne chiameremmo 'figli'. Ma il Presidente Obama, alle prese con i gravi problemi dell’economia e con l’impossibilità di grandi riforme, ha voluto caricare questo gesto di solennità e, non curandosi troppo delle nuove direzioni della ricerca e forse pressato da potenti lobby, ha tirato fuori la frase a effetto: l’esser uomo di fede lo spinge a far di tutto per alleviare le sofferenze. La frase a effetto, però, non solo non riesce a coprire il durissimo silenzio dei piccoli non nati, ma produce, nell’osservatore attento, anche un contro-effetto ironico. Sì, come capita spesso alle 'trombonate' che lì per lì sembrano persuasive e poi mostrano la loro vacuità. In questo caso, con sincerità – e su questa non ho dubbi – il Presidente motiva con la propria fede la pietà umana. Come dire che se non la si pensa come lui o non si ha fede o non si ha pietà. Un poco pesante, come apprezzamento per chi non ha la sua stessa granitica certezza sulla strada intrapresa dalle grandi industrie Usa. Gli americani, a differenza di noi, sono abituati a presidenti che citano Dio molto spesso. Però chiamare Dio a motivo di scelte discusse su campi in cui la scienza stessa è divisa, è almeno inopportuno. Si affronti piuttosto un dibattito razionale sulla congruità e sulla necessità ed efficacia di tali ricerche. È un po’ la stessa cosa di cui si accusava la Chiesa a proposito di Galileo: la pretesa di indirizzare la scienza in nome di una fede o di una ideologia. Ma a Obama-Bellarmino stranamente nessuno muove rilievi, neppure considerando il non trascurabile fatto che il Presidente vive oggi e il Cardinale nel 1500. Mi sarei aspettato una specie di insurrezione da parte di pensatori e media di cultura laicista di casa nostra. Ma come, un Presidente in carica motiva un atto politico con la sua fede ? E che c’entra, forse chi non ha fede, chi è laico prova meno pietà o meno tensione ad alleviare le sofferenze ?

Invece no, i nuovi vessilliferi dello scientismo (orfani di un -ismo, si abbarbicano subito al più forte sulla piazza) sorvolano, e applaudono, con carinissime copertine dedicate alla 'legge di Superman' come se finalmente si avverasse un sogno di uomo bionico. E plaudono senza mezzi termini, pur se persino l’Unità non può tacere il fatto che sì, la firma teatrale è andata bene, però la partita vera è un’altra, cioè la rottura di ogni limite alla ricerca. Se non che la ricerca che 'sfrutta' gli embrioni trova la dimostrazione dei propri limiti non da Presidenti-Bellarmino, che in nome della fede danno il via o no; bensì da nuove vie di ricerca, più efficaci e meno violente. Il che rende l’enfasi italiana sulla scelta di Obama-Bellarmino un poco posticcia, a favore di una di quelle scene che un tempo sarebbe stata chiamata 'un’americanata'.

Forse gli amici scientisti non se ne sono accorti, o forse sì e per questo plaudono, in nome della scienza ma indipendentemente dallo stato del dibattito sulle cellule staminali: nell’affermazione e nella scelta di Obama non c’è forse una scelta a riguardo della scienza, ma a riguardo di Dio e dell’uso del suo nome. Come se il Dio che sono disposti ad accettare, persino intromesso in leggi e disposizioni politiche, non fosse il creatore dell’uomo, ma la presenza che ha inquietato e creato tragedie silenziose nel secolo delle ideologie: il creatore del Superuomo (traduzione di Superman, no ?).





____________________

Tratto da Avvenire dell'11/03/2009

_________________
Fedele al Papa

Sant’Agostino: “Ti riesca sempre sgradito ciò che sei, se vuoi giungere a ciò che non sei ancora. Infatti là dove ti senti bene, ti fermi; e dici addirittura: basta così, e così sprofondi. Aggiungi continuamente, cammina sempre, procedi in avanti di continuo: non fermarti lungo il cammino, non voltarti, non deviare. Resta indietro chi non avanza(...)Devia dal cammino chi devia dalla fede. Meglio uno storpio sul cammino, che un corridore fuori strada.”
avatar
spe salvi
Admin

Numero di messaggi : 602
Data d'iscrizione : 09.04.08
Età : 43
Località : Ceive

Visualizza il profilo http://zaccheo.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: Cellule staminali e Obama

Messaggio Da spe salvi il Gio 12 Mar 2009, 12:34




_________________
Fedele al Papa

Sant’Agostino: “Ti riesca sempre sgradito ciò che sei, se vuoi giungere a ciò che non sei ancora. Infatti là dove ti senti bene, ti fermi; e dici addirittura: basta così, e così sprofondi. Aggiungi continuamente, cammina sempre, procedi in avanti di continuo: non fermarti lungo il cammino, non voltarti, non deviare. Resta indietro chi non avanza(...)Devia dal cammino chi devia dalla fede. Meglio uno storpio sul cammino, che un corridore fuori strada.”
avatar
spe salvi
Admin

Numero di messaggi : 602
Data d'iscrizione : 09.04.08
Età : 43
Località : Ceive

Visualizza il profilo http://zaccheo.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum