Visita pastorale del Cardinale Arcivescovo nel nostro Vicariato - Libertà di parola

Andare in basso

Visita pastorale del Cardinale Arcivescovo nel nostro Vicariato - Libertà di parola

Messaggio Da spe salvi il Sab 19 Apr 2008, 15:54

Sembra che ci sia uno sparuto gruppo di genitori che protesta per la visita del Cardinale Arcivescovo alla Scuola Media di Pieve. Se fosse vero, e pare propio di sì, è la dimostrazione che la lezione dell'Università La Sapienza non sia servita a nulla, e che comunque gli stolti siano ancora in circolazione! Roba da non credere. W la libertà, ma la libertà vera!!!


Ultima modifica di spe salvi il Dom 20 Apr 2008, 13:38, modificato 1 volta

_________________
Fedele al Papa

Sant’Agostino: “Ti riesca sempre sgradito ciò che sei, se vuoi giungere a ciò che non sei ancora. Infatti là dove ti senti bene, ti fermi; e dici addirittura: basta così, e così sprofondi. Aggiungi continuamente, cammina sempre, procedi in avanti di continuo: non fermarti lungo il cammino, non voltarti, non deviare. Resta indietro chi non avanza(...)Devia dal cammino chi devia dalla fede. Meglio uno storpio sul cammino, che un corridore fuori strada.”
avatar
spe salvi
Admin

Numero di messaggi : 602
Data d'iscrizione : 09.04.08
Età : 43
Località : Ceive

Visualizza il profilo dell'utente http://zaccheo.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Visita pastorale del Cardinale Arcivescovo nel nostro Vicariato - Libertà di parola

Messaggio Da fidem custodire il Sab 19 Apr 2008, 16:32

spe salvi ha scritto:Sembra che ci sia uno sparuto gruppo di genitori che protesta per la visita del Cardinale Arcivescovo alla Scuola Media di Pieve. Se fosse vero, e pare propio di sì, è la dimostrazione che la lezione dell'Università La Sapienza non sia servita a nulla, e che comunque gli stolti siano ancora in circolazione! Roba da non credere. W la libertà, ma la libertà vera!!!
la storia evidentemente non è maestra. La brutta figura fatta a Roma non è sufficiente. Spero almeno che la gran parte dei genitori che sono favorevoli alla visita (e non vedo il perché non dovrebbero esserlo) abbiano la possibilità di esprimersi.

fidem custodire

Numero di messaggi : 26
Data d'iscrizione : 09.04.08

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Il Cardinale a scuola?C’è chi dice no - Secolo XIX di oggi

Messaggio Da spe salvi il Dom 20 Apr 2008, 13:41

20 aprile 2008
Graziano Cetara
Edoardo Meoli


Genova. La scuola è piccola: la media “Golfo Paradiso” di Pieve Ligure, levante di Genova. Ma il caso rischia di aprire grandi polemiche. L’istituto dovrebbe ospitare martedì prossimo una visita del cardinale di Genova, nonché presidente della Cei, Angelo Bagnasco. Ma alcuni genitori e insegnanti hanno storto il naso e detto no. «C’è maretta», ammette cercando di smorzare il clamore della vicenda la preside, Vanda Roveda, che ha già provato ad annullare tutto, chiedendo al consiglio di istituto di votare per il sì o per il no. E aprendo di fatto un dibattito, tra l’ideologico e il religioso, sulla laicità dell’insegnamento e l’inviolabilità dei suoi spazi. Gli stessi temi che a gennaio portarono docenti universitari e studenti in piazza a Roma, in occasione della visita del papa Benedetto XVI alla Sapienza per l’inaugurazione dell’anno accademico. Visita che saltò. Il parroco e vicario dei centri rivieraschi del levante, don Silvio Grilli, ha promosso e previsto incontri anche a Sori e Bogliasco. «Sta bene», hanno detto convinti in queste due scuole. A Pieve Ligure, invece, insegnanti e genitori si sono divisi. Con una protesta civile ma decisa, alcuni prof e un certo numero di famiglie hanno scelto di non firmare la manleva chiesta dalla preside, invitando la scuola a organizzare per i loro figli una lezione “laica” alternativa.
«C’è maretta», ammette smorzando i toni della polemica la preside Vanda Roveda, dopo aver provato ad annullare tutto, chiedendo al consiglio di istituto di votare per il sì o per il no. Una piccola scuola media di provincia proiettata al centro del dibattito, tra l’ideologico e il religioso, sulla laicità dell’insegnamento e l’inviolabilità dei suoi spazi. Costretta a interrogarsi sugli stessi temi che a gennaio portarono docenti universitari e studenti in piazza a Roma, in occasione della visita del papa Benedetto XVI alla Sapienza per l’inaugurazione dell’anno accademico. Visita che saltò. Succede alla media “Golfo paradiso” di Pieve Ligure, nel levante genovese, 630 alunni. Succede alla vigilia della visita pastorale del cardinale di Genova e presidente della Conferenza episcopale italiana (Cei) Angelo Bagnasco. Il parroco e vicario della zona don Silvio Grilli ha promosso e previsto incontri anche nelle scuole dei tre paesi. «Sta bene», hanno detto convinti a Sori e a Bogliasco. A Pieve Ligure insegnanti e genitori si sono divisi. L’incontro con monsignor Bagnasco, fissato per martedì durante l’orario di lezione, ha rischiato di saltare.
Per la protesta, civile ma decisa, di alcuni professori e di un certo numero di famiglie che hanno scelto di non firmare la manleva chiesta dalla preside, invitando la scuola a organizzare per i loro figli una lezione “laica” alternativa. «Non ci saranno proteste di piazza o altre clamorose manifestazioni di contrarietà all’iniziativa», avverte Carla Scarsi, portavoce dei genitori dissenzienti; manifestazioni come quelle che furono organizzate alla Sapienza di Roma a gennaio. Ma il no alla “lezione” di Bagnasco ha già prodotto tensioni tra gli insegnanti e una votazione in consiglio di istituto (presieduto da un rappresentante dei genitori e composto da professori, genitori e personale non docente). «Ho proposto di annullare tutto di fronte alla maretta che si era generata - spiega Vanda Roveda, la direttrice del circolo didattico del Golfo Paradiso che comprende le scuole medie di Sori, Pieve Ligure e Bogliasco - Ne abbiamo parlato e si è concluso che, rinunciando alla visita del cardinale, saremmo passati dalla parte del torto. Alla fine il consiglio ha votato il sì all’incontro con un solo astenuto». Sul tavolo dell’assemblea rappresentativa della media Golfo Paradiso è comparsa anche la bozza di una lettera di diffida rivolta alla preside, con la quale i genitori dissenzienti chiedevano lumi sull’organizzazione dell’iniziativa e snocciolavano leggi e giurisprudenza «consolidata» sulla «non liceità» di «celebrazioni di carattere confessionale in scuole pubbliche statali che comportino la modifica del normale svolgimento delle lezioni».

_________________
Fedele al Papa

Sant’Agostino: “Ti riesca sempre sgradito ciò che sei, se vuoi giungere a ciò che non sei ancora. Infatti là dove ti senti bene, ti fermi; e dici addirittura: basta così, e così sprofondi. Aggiungi continuamente, cammina sempre, procedi in avanti di continuo: non fermarti lungo il cammino, non voltarti, non deviare. Resta indietro chi non avanza(...)Devia dal cammino chi devia dalla fede. Meglio uno storpio sul cammino, che un corridore fuori strada.”
avatar
spe salvi
Admin

Numero di messaggi : 602
Data d'iscrizione : 09.04.08
Età : 43
Località : Ceive

Visualizza il profilo dell'utente http://zaccheo.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Apertura mentale=<0

Messaggio Da fidem custodire il Dom 20 Apr 2008, 14:00

Complimenti ai soggetti sopra menzionati. W la pluralità dei pensieri. Se non vuoi che i tuoi figli incontrino l'Arcivescovo di Genova, tienti i tuoi figli ben chiusi in casa, così crescono con l'unica ideologia che conosci!!!

fidem custodire

Numero di messaggi : 26
Data d'iscrizione : 09.04.08

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Visita pastorale del Cardinale Arcivescovo nel nostro Vicariato - Libertà di parola

Messaggio Da delle il Mar 22 Apr 2008, 23:02

il cardinale è stato INVITATO nelle scuole, perchè non dovrebbe andarci???
avatar
delle

Numero di messaggi : 4
Data d'iscrizione : 17.04.08
Età : 40
Località : genova (ma buggia è nel cuore!)

Visualizza il profilo dell'utente http://www.ilcittadino.ge.it

Tornare in alto Andare in basso

Tutto ok!

Messaggio Da spe salvi il Mer 23 Apr 2008, 00:31

La visita nelle scuole ha avuto buon successo! I 6 o 7 ragazzi "obiettori" hanno effettuato lezione di educazione fisica (almeno qualche educazione la ricevono, forse!!) e tutti gli altri si sono stra goduti una lezione da un qualcuno che ne sa più di tutti noi messi insieme. Quello che mi piace di più sottolineare, è che questa sera all'incontro dell'Arcivescovo avvenuto nella Società Operaia Cattolica di Mutuo Soccorso di Pieve Alta, i soggetti che hanno creato tutto quel putiferio erano ben presenti. Hanno mangiato a sbaffo e la donna in questione ha salutato l'Arcivescovo, il quale l'ha accolta a braccia aperte. La donnina ovviamente s'è detta dispiaciuta per il malinteso, e ha addossato tutta la colpa ai giornalisti. Evil or Very Mad Evil or Very Mad Almeno abbi le palle per prenderti le tue responsabilità!!!!!! Mi hanno chiamato pure dal Vaticano per chiedermi che cosa stava avvenendo a Pieve. Bella figura. Ora Pieve, e quindi la sua cittadinanza, verrà ricordata per la protesta. Almeno fossero di Pieve sti invertebrati. No! Pieve viene pure danneggiata da foresti. Mi viene in mente il manifesto elettorale dell'indiano nella riserva!!!! Il bello è che ci dobbiamo convivere con sti individui.
Comunque, tengo a sottolineare che il Cardinale Arcivescovo ha lasciato a bocca aperta per le risposte e per le parole che ci ha rivolto. Una gran lezione di civiltà, umanità, simpatia e di trascendenza. Grazie Eminenza!!

_________________
Fedele al Papa

Sant’Agostino: “Ti riesca sempre sgradito ciò che sei, se vuoi giungere a ciò che non sei ancora. Infatti là dove ti senti bene, ti fermi; e dici addirittura: basta così, e così sprofondi. Aggiungi continuamente, cammina sempre, procedi in avanti di continuo: non fermarti lungo il cammino, non voltarti, non deviare. Resta indietro chi non avanza(...)Devia dal cammino chi devia dalla fede. Meglio uno storpio sul cammino, che un corridore fuori strada.”
avatar
spe salvi
Admin

Numero di messaggi : 602
Data d'iscrizione : 09.04.08
Età : 43
Località : Ceive

Visualizza il profilo dell'utente http://zaccheo.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Visita pastorale del Cardinale Arcivescovo nel nostro Vicariato - Libertà di parola

Messaggio Da delle il Mer 23 Apr 2008, 18:36

colpa dei giornalisti?????!!!!!
ma se li ha chiamati lei!!!!
guarda, stendiamo un velo pietoso.....ha fatto una solenne figuraccia!!!
e Angelo nelle scuole (oggi è stato in quelle di Bogliasco!) ha avuto un totale successo!!!
alla faccia sua!!!
avatar
delle

Numero di messaggi : 4
Data d'iscrizione : 17.04.08
Età : 40
Località : genova (ma buggia è nel cuore!)

Visualizza il profilo dell'utente http://www.ilcittadino.ge.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Visita pastorale del Cardinale Arcivescovo nel nostro Vicariato - Libertà di parola

Messaggio Da spe salvi il Mer 30 Apr 2008, 03:58

L'uomo non finirà mai di stupirmi per cattiveria e stupidità. Guardate che cosa mi hanno segnalato.

Genitori si oppongono alla visita pastorale di Bagnasco in una scuola media
Paolida Carli
lunedì 28 aprile 2008
Il cardinale Bagnasco viene invitato (?) a visitare alcune scuole elementari e medie della Riviera ligure del Levante. Alcuni genitori e alcuni insegnanti della scuola media “Golfo Paradiso” di Pieve Ligure (Genova), protestano e si rivolgono alla Uaar per diffidare la direzione scolastica dal consentire questa visita in orario di lezione, in quanto attività che discrimina l'alunno non cattolico costretto a subire l'interruzione delle normali attività per permettere lo svolgersi della visita di un'autorità religiosa.
La contestazione coglie di sorpresa autorità scolastiche, stampa e tv che si trovano costretti, forse per la prima volta in provincia di Genova, a misurarsi con 8 cittadini italiani che, in qualità di genitori, rivendicano in una scuola pubblica il rispetto della laicità. A farsi paladino di Bagnasco, addirittura in Parlamento, ci pensa il deputato Udc Luca Volonté che contribuisce, involontariamente, con la sua interrogazione a dare al caso risonanza nazionale. La visita si terrà ugualmente, nonostante le proteste, così 8 bambini di quella scuola durante il tempo della visita saranno riunitii in palestra dove si dedicheranno ad attività sportive. I genitori faranno sapere di stare esaminando la possibilità di avviare una pratica legale per chiedere alla scuola il risarcimento per danni morali. Tra le numerose reazioni a questo episodio, a dimostrazione che non sono solo i non credenti a richiamarsi al rispetto della laicità nella scuola pubblica, c'è da segnalare il comunicato stampa rilasciato dal presidente della FCELP (Federazione Chiese Evangeliche della Liguria e del Piemonte meridionale) all’agenzia di stampa NEV:

Da parecchio tempo le visite pastorali del vescovo cattolico di Genova avevano perso il carattere di invasività degli spazi pubblici che aveva dato loro il cardinale Giuseppe Siri. Il cardinal Bagnasco, che da quella scuola proviene, vuole ribadire lo stile del suo maestro, svolgendo in qualità di presidente della CEI un ruolo di apripista degli altri vescovi italiani nell'attacco alla laicità dello stato, con ritorno a prassi e a comportamenti tipici dell'episcopato italiano prima del Concilio Vaticano II. Se non stupisce la compiacenza strumentale che nei confronti di questa nuova linea hanno i politici in cerca di legittimazione, la stessa cosa non può dirsi della sudditanza manifestata nel corso di queste visite da molti dirigenti scolastici, che hanno aperto gli spazi pubblici e educativi della scuola a visite di carattere essenzialmente religioso (pastorali appunto) in contrasto con la loro funzione di garanti della laicità dell'istituzione che dirigono. A preoccupare ulteriormente è che tali visite abbiano avuto luogo, nonostante da parte di docenti e di genitori, si sia manifestato tutto il disagio per tali iniziative. L'attacco alla laicità di fatto si è tradotto in attacco alla libertà di insegnamento dei docenti, privati di alunni nel corso delle visite pastorali, e alla libertà educativa dei genitori non cattolici.
Giancarlo Giovine Presidente della Federazione delle Chiese Evangeliche della Liguria e del Piemonte meridionale
Genova, 23 aprile 2008



da qui http://www.resistenzalaica.it/index.php?option=com_content&task=view&id=1081&Itemid=32
cercate anche voi di inserire in quel sito un commento. Io l'ho già lasciato sotto mentite spoglie!!! Capirete chi sono! Non è difficile.

_________________
Fedele al Papa

Sant’Agostino: “Ti riesca sempre sgradito ciò che sei, se vuoi giungere a ciò che non sei ancora. Infatti là dove ti senti bene, ti fermi; e dici addirittura: basta così, e così sprofondi. Aggiungi continuamente, cammina sempre, procedi in avanti di continuo: non fermarti lungo il cammino, non voltarti, non deviare. Resta indietro chi non avanza(...)Devia dal cammino chi devia dalla fede. Meglio uno storpio sul cammino, che un corridore fuori strada.”
avatar
spe salvi
Admin

Numero di messaggi : 602
Data d'iscrizione : 09.04.08
Età : 43
Località : Ceive

Visualizza il profilo dell'utente http://zaccheo.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

«IO, PIEVESE, MI VERGOGNO DEI MIEI CONCITTADINI»

Messaggio Da spe salvi il Mer 30 Apr 2008, 16:34

Da Il Giornale di oggi


Caro Direttore, giusto il Suo rilievo per i «silenzi» sul Cardinale e vivo rammarico per l’atteggiamento di alcuni pievesi che ne hanno contestato la recente visita pastorale in cui, malgrado iniziali e mal motivate resistenze, sono state poi incluse giustamente le scuole. Vivo a Pieve da alcuni anni (per scelta e non per nascita) in lato levante, ammiro Portofino e mi reco sulle alture solo per visite al Cimitero; è un paese tranquillo e tipicamente ligure e per vero sono rimasta sconcertata dalle inconsistenti prese di posizione anti-BAGNASCO, che addirittura hanno portato Pieve all’onore della stampa nazionale oltre che ligure. Per l’affetto che ormai provo per questa cittadina avrei preferito che il motivo di tanta pubblicità fosse stato diverso, tanto più che si conosce solo il nome di una Signora portavoce degli effettivi «resistenti»; per curiosità ho tentato di conoscere il nome dei singoli contestatori, ma nessuno ha avuto il coraggio di dichiararsi personalmente, e come finale tutti... sono rientrati nei ranghi, accogliendo il Cardinale come di dovere. Mi spiace per Pieve e per i suoi cittadini: il pensiero è libero e libere sono le scelte di coscienza, ma per contro è triste e non certo «coraggioso» celare le proprie convinzioni dietro i portavoce, e sempre che siano tali e non conseguenza di indottrinamenti quasi... farinelliani. Mi auguro di no, dato che ritengo i Pievesi dotati di carattere, magari un po’ duro e determinato ma non certo pavido e confido che San Michele assicuri loro un futuro migliore!

MARIA GRAZIA BERTOLA


Grazie, Signora Bertola!

_________________
Fedele al Papa

Sant’Agostino: “Ti riesca sempre sgradito ciò che sei, se vuoi giungere a ciò che non sei ancora. Infatti là dove ti senti bene, ti fermi; e dici addirittura: basta così, e così sprofondi. Aggiungi continuamente, cammina sempre, procedi in avanti di continuo: non fermarti lungo il cammino, non voltarti, non deviare. Resta indietro chi non avanza(...)Devia dal cammino chi devia dalla fede. Meglio uno storpio sul cammino, che un corridore fuori strada.”
avatar
spe salvi
Admin

Numero di messaggi : 602
Data d'iscrizione : 09.04.08
Età : 43
Località : Ceive

Visualizza il profilo dell'utente http://zaccheo.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Visita pastorale del Cardinale Arcivescovo nel nostro Vicariato - Libertà di parola

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum