HANS KÜNG E LE RIFORME DELLA CHIESA

Andare in basso

HANS KÜNG E LE RIFORME DELLA CHIESA

Messaggio Da spe salvi il Dom 25 Mag 2008, 22:46

da Avvenire del 23 maggio 2008
GIANNI CARDINALE


Ieri il teologo svizzero Hans Küng ha fatto conoscere, trami­te una lunga intervista su 'Re­pubblica', la sua delusione nei con­fronti dell’attuale pontefice che, tra l’altro, non avrebbe fatto le riforme necessarie per la Chiesa.

Ma è pro­prio così? Benedetto XVI appena in­sediato sul soglio di Pietro ha rifor­mato le cerimonie di beatificazione e canonizzazione, nel senso che le prime vengono ora celebrate nelle diocesi di appartenenza dei nuovi beati e da un cardinale demandato all’incarico dal Papa (di norma dal prefetto del cardinale dell’apposito dicastero pontificio), mentre le se­conde rimangono riservate al Papa.
Questa piccola ma significativa riforma implica una maggiore valo­rizzazione delle Chiese locali, rende più evidente che l’infallibilità ponti­ficia non riguarda le beatificazioni, ma - secondo l’opinione teologica prevalente - le sole canonizzazioni, e - perché no - evita anche tentazio­ni di natura affaristica.

Un altro punto in cui il Papa ha impresso u­na marcia in più è stato nel contra­sto del fenomeno degli abusi ses­suali da parte di persone consacra­te. E i bene informati sanno come in questa linea particolarmente in­transigente il Papa abbia dovuto su­perare le obiezioni 'garantiste' che pure non erano mancate nella Cu­ria romana. A proposito della quale poi, in tre anni di pontificato papa Ratzinger ha cambiato i vertici della Segreteria di Stato, 4 prefetti e 4 se­gretari (su 9) di Congregazione, 4 presidenti (su 11) dei Pontifici Con­sigli. E lo ha fatto senza privilegiare, come avveniva in passato, persona­lità provenienti dalla carriera diplo­matica (e questo dovrebbe essere particolarmente apprezzato dai pensatori alla Küng…), e garanten­do una pluralità di sensibilità (tanto che in Curia oggi si possono conta­re figli spirituali del cardinal Siri, ma anche di padre Turoldo…). Certo non c’è stata quella riforma com­plessiva della Curia romana che qualcuno, soprattutto i media e non si sa con quanto fondamento reale, si aspettava.

Ma forse papa Benedetto XVI non ha puntato molto il suo pontificato su massive 'riforme istituzionali', in fondo c’e­rano già state con Paolo VI e Gio­vanni Paolo II, ma sulla trasmissio­ne dell’essenziale dei contenuti del­la fede cristiana attraverso i docu­menti solenni come le encicliche sulla carità e sulla speranza, infor­mali come il libro su «Gesù di Naza­ret », senza contare le catechesi del mercoledì e le omelie più solenni (anche se forse gli interventi più ef­ficaci del Papa sono stati quelli in cui sollecitato dalle domande di giovani, seminaristi o sacerdoti, ha risposto 'a braccio').

Benedetto X­VI poi ha reintrodotto la regola ob­bligatoria dei due terzi per l’elezio­ne del Papa e ha innovato i regola­menti del Sinodo introducendo il dibattito. E ha proseguito il dialogo ecumenico e quello interreligioso, sempre avendo l’ermeneutica della continuità come griglia interpreta­tiva del Concilio Vaticano. In questo senso ha emesso il 'motu proprio' che ha liberalizzato l’uso del messa­le pre-conciliare, ma allo stesso tempo ha detto chiaramente ai le­febvriani che sulla questione della libertà religiosa e del dialogo ecu­menico e religioso, appunto, non si torna indietro.

Certo, Benedetto XVI non ha fatto le riforme che piace­rebbero a Küng e a chi la pensa co­me lui: ad esempio non ha abolito il celibato sacerdotale, non ha cam­biato la dottrina morale cattolica tradizionale espressa dall’«Huma­nae vitae», e neanche le norme che regolano le nomine dei vescovi. Ma è difficile pensare che i cardinali che hanno eletto, rapidamente e ­per i cattolici - con l’assistenza dello Spirito Santo, Ratzinger, pensassero che queste riforme fossero necessa­rie per la Chiesa. È lecito poi dubita­re che siano avvertite come tali dal­la stragrande maggioranza dei fede­li che partecipano abitualmente al­la santa messa o dei fedeli che con­servano un legame, seppur flebile, con la Chiesa in cui sono stati bat­tezzati. E soprattutto, è proprio si­curo Küng che queste riforme siano proprio quello che il buon Gesù vuole dalla Sua Chiesa?


_____________________
Copyright (c) Avvenire

_________________
Fedele al Papa

Sant’Agostino: “Ti riesca sempre sgradito ciò che sei, se vuoi giungere a ciò che non sei ancora. Infatti là dove ti senti bene, ti fermi; e dici addirittura: basta così, e così sprofondi. Aggiungi continuamente, cammina sempre, procedi in avanti di continuo: non fermarti lungo il cammino, non voltarti, non deviare. Resta indietro chi non avanza(...)Devia dal cammino chi devia dalla fede. Meglio uno storpio sul cammino, che un corridore fuori strada.”
avatar
spe salvi
Admin

Numero di messaggi : 602
Data d'iscrizione : 09.04.08
Età : 43
Località : Ceive

Visualizza il profilo http://zaccheo.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum