Intervista a Mons Guido Marini sul Viaggio del Pontefice negli USA

Andare in basso

Intervista a Mons Guido Marini sul Viaggio del Pontefice negli USA

Messaggio Da spe salvi il Gio 10 Apr 2008, 00:49

Liturgical logistics: Keeping track of details for pope's U.S. Masses

By Cindy Wooden
Catholic News Service


VATICAN CITY (CNS) -- From the huge windows of his office overlooking St. Peter's Square, Pope Benedict XVI's chief liturgist can, and does, keep track of every detail that goes into preparing a papal liturgy.

The papal venues in the United States are not directly under his nose, but Msgr. Guido Marini still knows every detail of the two evening prayer services and three Masses Pope Benedict will celebrate in Washington and New York April 15-20.

Msgr. Marini, 43, did not plan every element of the five U.S. services, as he does with Vatican services, although he did make suggestions and did have veto power.

In an interview in early April, the monsignor said the readings, the prayers of the faithful, the music, and the readers and servers, for the most part, are those decided by the liturgy organizers in the archdioceses of Washington and New York, who coordinated their efforts with a representative of the U.S. Conference of Catholic Bishops.

Female altar servers will be involved in some of the liturgies in accordance with local diocesan practice, he said. And, just as at the Vatican, men and women will alternate reading the Scriptures and the prayers of the faithful.

Early in the planning process for a papal trip, the monsignor said, his office sends the local church a set of guidelines, which is "substantially the same" as the set developed during the pontificate of Pope John Paul II.

"A few small things were modified to reflect the liturgical attitudes of Pope Benedict," he said; they include a request that a crucifix be placed on the altar for eucharistic celebrations, that concelebrating priests be as close to the altar as possible and that the offertory gifts be limited to the bread, wine and charitable gifts.

Msgr. Marini said the Vatican did not dictate the choice of music and hymns for the U.S. liturgies.

"The repertoire is rather vast," he said. "There will be Gregorian chant, polyphony and some hymns that are more popular in the American repertoire.

"I really like this variety of styles that has been prepared for the celebrations," he said.

After the Vatican's liturgical guidelines were sent to the United States, the coordinator appointed by the bishops' conference, Msgr. Anthony Sherman, came to Msgr. Marini's office to discuss the initial choices made in Washington and New York.

"We discussed the liturgies, suggestions were made and decisions were taken," he said.

In February, Msgr. Marini and two of his assistants, including U.S. Msgr. William V. Millea, traveled to the two cities for more discussions, fine-tuning and site visits.

A few more details, such as which altar servers will be where, will be determined during quick run-throughs hours before the liturgies.

Msgr. Marini knows that changes in papal liturgies at the Vatican have been fueling speculation and heated discussions on Italian blogs and Web sites; he insists the increased use of older liturgical elements -- such as Gregorian chant and ancient vestments -- do not indicate a return to the past but rather reflect "development in continuity."

"In the liturgy, as in the life of the church itself, development in continuity should be visible," he said. "There are great riches, treasures that we have received, that we cannot forget, but this does not mean we oppose new developments.

"Those who have preceded us created works of art, not so they would be admired in a museum, but so they would be used," Msgr. Marini said. "Using them today underlines our continuity with the past as we walk toward the future."

As for rumors that Pope Benedict is preparing to celebrate publicly a Mass according to the Tridentine rite, Msgr. Marini said that as far as he knows that is just a rumor.

"My office has heard nothing of this. I know there are rumors, but I have not been asked to plan anything," he said.

The U.S. liturgies will raise an issue Pope Benedict, on more than one occasion, has said is problematic: preserving a sense of prayer and participation at a Mass when there are hundreds of concelebrants and tens of thousands of people in the assembly.

Msgr. Marini said many people at the pope's April 17 Mass in Washington's Nationals Park and April 20 Mass in New York's Yankee Stadium will receive Communion in the form of hosts that will have been consecrated earlier.

He said the practice, while not optimal, is common for papal Masses with a large crowd.

"If a priest were to take the Eucharist from the altar to the back of the crowd, he would not be able to reach the farthest points of the assembly before Mass ended," he said.

Instead, the monsignor said, small temporary chapels housing the Blessed Sacrament are set up at various points near the back of the crowd; a priest or deacon is stationed at each chapel and coordinates the distribution of Communion from that point.

The question of the number of concelebrants "is not simply an aesthetic question, but has substance," which is why it is the subject of ongoing study at the Vatican, he said.

In addition to highlighting the unity of the celebrant and the concelebrants and the bond between the concelebrants and the altar, "there must be a direct relationship, including a visual one, between the words of consecration and the matter that is being consecrated," he said.

The concelebration question demonstrates that although Msgr. Marini, his co-workers, consultants and predecessors have considered and continue to study every aspect of papal Masses they are still searching for perfection, he said.

Nevertheless, the extremely soft-spoken monsignor said, "I hope the liturgical celebrations presided over by the Holy Father may be an example and also provide an orientation for the church in the United States."

END


--------------------------------------------------------------------------------
Copyright (c) 2008 Catholic News Service/USCCB. All rights reserved

_________________
Fedele al Papa

Sant’Agostino: “Ti riesca sempre sgradito ciò che sei, se vuoi giungere a ciò che non sei ancora. Infatti là dove ti senti bene, ti fermi; e dici addirittura: basta così, e così sprofondi. Aggiungi continuamente, cammina sempre, procedi in avanti di continuo: non fermarti lungo il cammino, non voltarti, non deviare. Resta indietro chi non avanza(...)Devia dal cammino chi devia dalla fede. Meglio uno storpio sul cammino, che un corridore fuori strada.”
avatar
spe salvi
Admin

Numero di messaggi : 602
Data d'iscrizione : 09.04.08
Età : 43
Località : Ceive

Visualizza il profilo http://zaccheo.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

traduzione

Messaggio Da spe salvi il Gio 10 Apr 2008, 00:52

Dalle grandi finestre del suo ufficio che si affacciano su piazza San Pietro, il "capo liturgista" di Benedetto XVI può, e così fa, prendere nota di ogni dettaglio per la preparazione delle liturgie papali.
Le sedi del Papa negli Stati Uniti non stanno direttamente sotto il suo sguardo, ma Mons. Marini conosce già ogni dettaglio dei due incontri di preghiera serali e delle tre Messe che Papa Benedetto celebrerà a Washington e New York dal 15 al 20 aprile.
Mons. Marini, 43 anni, non ha programmato ogni elemento delle cinque celebrazioni negli Stati Uniti, come fa con le celebrazioni in Vaticano, anche se ha dato suggerimenti e ha potere di veto.
In un'intervista di inizio aprile, il Monsignore ha dichiarato che le letture, le preghiere dei fedeli, i ministranti e i lettori, per la maggior parte sono stati decisi dai responsabili della liturgia di Washington e New York, che hanno coordinato il loro lavoro con un rappresentante della Conferenza Episcopale degli Stati Uniti.
Ha detto che ministranti di sesso femminile saranno utilizzati in alcune celebrazioni, in conformità alla consuetudine delle diocesi locali. E, proprio come in Vaticano, uomini e donne si alterneranno nella proclamazione della Scrittura e delle preghiere dei fedeli.
Nelle prime fasi del processo di preparazione di un viaggio papale, ha detto il monsignore, il suo ufficio invia alla Chiesa locale un insieme di linee guida, che è "sostanzialmente la stessa" già preparata durante il pontificato di Papa Giovanni Paolo II.
"Sono stati modificati piccoli particolari per riflettere l'atteggiamento di Papa Benedetto in merito alla liturgia", ha detto: essi includono la richiesta che il crocifisso sia posizionato sull'altare della celebrazione eucaristica, che i sacerdoti concelebranti siano il più possibile vicini all'altare e che i doni all'offertorio si limitino a pane, vino e offerte per la carità.
Mons. Marini ha riferito che il Vaticano non ha imposto la scelta di musica e canti per le liturgia in USA. "Il repertorio è piuttosto vasto", ha detto. "Ci sarà canto gregoriano, polifonia e alcuni fra i più popolari inni del repertorio americano. Mi piace questa varietà di stili preparata per le celebrazioni".
Dopo che le linee guida liturgiche sono state inviate dal Vaticano negli USA, Mons. Anthony Sherman, coordinatore designato dalla Conferenza Episcopale, si è recato nell'ufficio di Mons. Marini per discutere le prime scelte fatte a Washington e a New York.
"Abbiamo parlato delle liturgie, sono stati dati suggerimenti e sono state prese decisioni", ha detto.
In febbraio Mons. Marini e due dei suoi assistenti, fra cui l'americano Mons. William V. Millea, si sono recati nelle due città, per ulteriori discussioni, messa a punto di dettagli e visite ai luoghi.
Per quanto riguarda pochi altri dettagli, come ad esempio quali e dove saranno i ministranti, si prenderà una decisione durante il veloce sopralluogo qualche ora prima delle celebrazioni.
Mons. Marini sa che i cambiamenti nelle liturgie papali in Vaticano stanno alimentando speculazioni e accese discussioni su blog e siti web italiani; egli insiste che il maggiore utilizzo di antichi elementi liturgici - come il canto gregoriano e paramenti antichi - non indicano un ritorno al passato, ma piuttosto riflettono lo "sviluppo nella continuità".
"Nella liturgia, come nella stessa vita della Chiesa, dovrebbe essere visibile questo sviluppo nella continuità. Ci sono grandi ricchezze, tesori che abbiamo ricevuto e che non possiamo dimenticare, ma ciò non significa che siamo contrari a innovazioni".
"Quelli che ci hanno preceduto hanno creato opere d'arte, non perché fossero ammirate in un museo, ma perché venissero utilizzate. Usarle oggi sottolinea la continuità con il passato nel cammino verso il futuro".
Per quanto riguarda le indiscrezioni secondo cui Papa Benedetto si starebbe preparando a celebrare pubblicamente secondo il rito tridentino, Mons. Marini ha affermato che, a quanto ne sa, si tratta solo di una voce.
"Il mio ufficio non ha sentito nulla di tutto ciò. So che ci sono queste voci, ma a me non è stato chiesto di preparare alcunché", ha detto.
Le liturgie negli Stati Uniti solleveranno una tematica che più volte è stata definita come problematica da Papa Benedetto: salvaguardare il senso della preghiera e della partecipazione alla Messa quando ci sono centinaia di concelebranti e decine di migliaia di persone nell'assemblea.
Mons. Marini ha detto che molte delle persone presenti alle Messe del Papa del 17 aprile al Washington National's Park e del 20 aprile allo Yankee Stadium di New York riceveranno la Comunione con ostie consacrate in precedenza.
Egli ha dichiarato che questa pratica, sebbene non sia l'ottimale, è comune nelle Messe papali con la presenza di grandi folle. "Se un sacerdote dovesse portare l'Eucaristia dall'altare fino in mezzo alla folla, egli non sarebbe in grado di raggiungere i punti più lontani dell'assemblea prima che la Messa finisca".
Invece, ha dichiarato il Monsignore, sono previste piccole cappelle che ospiteranno temporaneamente il Santissimo Sacramento in vari punti; un sacerdote o un diacono stazionerà presso ogni cappella e coordinerà la distribuzione della Comunione da quel punto.
La questione del numero dei concelebranti "non è semplicemente una questione estetica, ma di sostanza", e questo è il motivo per cui il problema è oggetto di studio in Vaticano.
Oltre alla sottolineatura dell'unità tra il celebrante principale e i concelebranti e il legame tra i concelebranti e l'altare, "ci deve essere un rapporto diretto, anche visivo, tra le parole della consacrazione e la materia che viene consacrata". La questione della concelebrazione dimostra che, anche se Mons. Marini, i suoi collaboratori, consultori e predecessori, hanno studiato e continuano a studiare ogni aspetto delle Messe Papali, si è sempre alla ricerca della perfezione.
Ciò nonostante, il Monsignore, con voce molto dolce, ha detto: "Spero che le celebrazioni liturgiche presiedute dal Santo Padre possano essere di esempio e fornire un orientamento per la Chiesa negli Stati Uniti".


__________________
tratto da qui

_________________
Fedele al Papa

Sant’Agostino: “Ti riesca sempre sgradito ciò che sei, se vuoi giungere a ciò che non sei ancora. Infatti là dove ti senti bene, ti fermi; e dici addirittura: basta così, e così sprofondi. Aggiungi continuamente, cammina sempre, procedi in avanti di continuo: non fermarti lungo il cammino, non voltarti, non deviare. Resta indietro chi non avanza(...)Devia dal cammino chi devia dalla fede. Meglio uno storpio sul cammino, che un corridore fuori strada.”
avatar
spe salvi
Admin

Numero di messaggi : 602
Data d'iscrizione : 09.04.08
Età : 43
Località : Ceive

Visualizza il profilo http://zaccheo.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum